Densità critica e materia oscura

Home ] Gli strumenti dell'astronomia ] Relatività generale ] Big Bang ] Teoria dell'Universo inflazionario ] Stelle ] Ammassi ] Nebulose ] Via lattea e galassie ] Principio cosmologico ] Universo finito e infinito ] [ Densità critica e materia oscura ] Crisi del modello della materia oscura ] Crediti ]

Ritorno alla pagina: "Materiale prodotto dall'Istituto"

La massa mancante di Zwcky
Vera Rubin e Kent Ford
Materia oscura calda
Materia oscura fredda

 

 

 

Al momento del Big Bang l’enorme quantità di energia liberatasi causò un’improvvisa e rapidissima espansione radiale (espansione ed inflazione) della materia che si disperse con lo spazio appena formatosi diminuendo notevolmente la sua densità.

Questa materia è però anch’essa soggetta alla forza di gravitazione universale che, come sappiamo dalla fisica è solo attrattiva e che per questo si oppone alla forza impressa nei primordiali attimi del Big Bang.

La densità media dell’Universo sarà definita dalla composizione di queste due forze, si potrebbe pensare che terminata l’azione della “spinta iniziale“ la forza gravitazionale debba prevalere sulla prima visto che quest’ultima diminuisce all’aumentare della distanza, però le due componenti sono sperimentalmente molto simili, quasi al punto di annichilirsi a vicenda.

Si suppone che esista una densità critica dell’Universo superata la quale il collasso della materia è inevitabile, il valore preciso di tale densità secondo la teoria della Relatività Generale di Einstein è pari a circa 10-30 g/cm3 

 

Home ] Gli strumenti dell'astronomia ] Relatività generale ] Big Bang ] Teoria dell'Universo inflazionario ] Stelle ] Ammassi ] Nebulose ] Via lattea e galassie ] Principio cosmologico ] Universo finito e infinito ] [ Densità critica e materia oscura ] Crisi del modello della materia oscura ] Crediti ]