Crisi del modello della materia oscura

Home ] Gli strumenti dell'astronomia ] Relatività generale ] Big Bang ] Teoria dell'Universo inflazionario ] Stelle ] Ammassi ] Nebulose ] Via lattea e galassie ] Principio cosmologico ] Universo finito e infinito ] Densità critica e materia oscura ] [ Crisi del modello della materia oscura ] Crediti ]

Ritorno alla pagina: "Materiale prodotto dall'Istituto"

Teoria dei frattali
Schemi dei modelli cosmologici
Espansione o contrazione
Confusione della cosmologia moderna

 

 

 

Il modello della materia oscura fredda è stato considerato fino ad oggi, dalla maggior parte degli astronomi, il principale modello della formazione delle strutture cosmiche.

Molte delle simulazioni usate per capire le posizioni e i moti osservati di galassie cominciano con le disomogeneità iniziali della materia oscura fredda; purtroppo per i teorici le prove d’osservazione contro il modello della materia oscura fredda sono andate accumulandosi tanto che ora si parla di crisi: il problema fondamentale è che le galassie attuali si uniscano in ammassi a grandi scale molto più di quanto la teoria ammetta.

All’inizio degli anni ’80 Neta Bahcall concluse che le galassie tendono ad unirsi a scale di centinaia di anni luce e la dimostrazione di questi raggruppamenti non può essere spiegata con questo modello.

Dal 1997 è iniziata un’analisi dell’omogeneità basata sulla teoria dei frattali  che potrebbe decretare la morte definitiva della teoria della materia oscura.

 

Home ] Gli strumenti dell'astronomia ] Relatività generale ] Big Bang ] Teoria dell'Universo inflazionario ] Stelle ] Ammassi ] Nebulose ] Via lattea e galassie ] Principio cosmologico ] Universo finito e infinito ] Densità critica e materia oscura ] [ Crisi del modello della materia oscura ] Crediti ]