L'eterna inflazione di Linde e Guth

Home ] Su ] [ L'eterna inflazione di Linde e Guth ] Ultime considerazioni sul modello inflazionario ] Universo postinflazionario ] Onde gravitazionali ] Supergravità e unificazione delle leggi della Fisica ] Cartteristiche della Supergravità ]

Ritorno alla pagina: "Materiale prodotto dall'Istituto"

 

 

 

Guth si chiese che cosa sarebbe potuto accadere se fosse stato possibile comprire la materia in un pugno ricreando le condizioni di temperatura e pressione tali da permettere una nuova G.U.T. e saltare nel “falso vuoto“. Secondo Linde e Guth si creerebbe una bolla di falso vuoto, una sorta di Universo figlio che se osservato dall’esterno apparirebbe come un buco nero e se osservato dall’interno apparirebbe come un piccolo Universo in inflazione; secondo questa teoria l’Universo figlio si espanderebbe in un proprio tempo e in un suo spazio particolare, scivolerebbe ai lati del nostro Universo.

A parte l’impossibilità fisica di attuare questo progetto (impensabili livelli energetici per attuare la compressione), ci sarebbe la necessità di inserire questo nuovo Universo in una singolarità già esistenze quale il nostro spazio-tempo.

Come soluzione Guth afferma che lo spazio è popolato di tali singolarità nella forma di buchi neri virtuali. Il loro collasso e la loro costante vaporazione scandirebbero lo spazio ed il tempo alle scale più piccole e, forse, fornirebbero semi primordiali per innumerevoli universi paralleli. Questa teoria degli universi paralleli, una catena infinita di universi procreati da altri universi, è detta per l’appunto teoria della  “eterna inflazione“ ( Linde ).

Quanto alle richieste di energia, necessarie per attuare quanto descritto in precedenza e oggi neanche pensabili, non è detto che non siano raggiungibili in un futuro tecnologico.

Anche il nostro Universo potrebbe essere stato creato all’interno di qualche altro universo parallelo. Anche contro la teoria dell’inflazione si sono levate diverse opinioni discordanti da essa; nel panorama scientifico molti studiosi ritengono di averne individuato pesanti limiti. Secondo Hawking l’inflazione non può spiegare da sola lo stato presente dell’Universo: le condizioni iniziali del Big Bang e dell’inflazione portano ad infiniti teorici e potenziali universi differenti, cosicché la teoria non permette alcuna nuova determinazione del motivo per cui oggi è così, risolvendo problemi ne crea uno di grande importanza infatti le teorie di Guth prevedono che la densità della materia sia esattamente uguale a quella critica ma tutte le misurazioni compiute danno risultati di molto inferiore.

Il problema posto dall’inflazione è la domanda relativa alla provenienza e alla localizzazione di tutta questa massa teoricamente ipotizzata che dovrebbe essere presente e che invece non è riscontrabile attraverso alcuna esperienza.

Le indagini sulla materia visibile, cioè luminosa, hanno fornito per la densità di massa  un valore pari all’1% del valore critico. Le osservazioni indicano che le galassie devono contenere 10 volte più massa di quanto non sembri; questi risultati hanno dato origine alla ricerca della massa mancante.

 

Home ] Su ] [ L'eterna inflazione di Linde e Guth ] Ultime considerazioni sul modello inflazionario ] Universo postinflazionario ] Onde gravitazionali ] Supergravità e unificazione delle leggi della Fisica ] Cartteristiche della Supergravità ]